CINA

Italia-Cina, Passato-Presente


FILIPPO ROSSI


Incontro di programmazione Mostra

Nel 2020 si celebreranno sia i 50 anni dell’accordo Italia-Cina per la cultura, sia il secondo anno del Memorandum d’intesa tra l’Italia e la Cina per il progetto Via della Seta. Nell’occasione verranno organizzate molte e vaie manifestazioni relative ai rapporti culturali ed artistici tra l’Italia e la Cina.

L’artista Filippo Rossi esprime la sua felicità egratitudine ad essere stato scelto e invitato a partecipare a queste manifestazioni con una grande mostra personale.

Il Sig. Yang, importante collezionista cinese, seguito dall'artista Zhang  e dal Direttore del Luohu Art Museum di Shenzhen, Dr. Hu, suggeriscono l’importanza, in quest’occasione, di collegare l’arte antica cinese – sculture, pitture, gioielli - con quella contemporanea italiana.

Il prof. T. Verdon, curatore della mostra, spiega che, d’accordo con l’artista Filippo Rossi, la proposta mostra è stata concepita proprio in questo spirito. Essa infatti abbinerà alle opere contemporanee di Rossi circa dieci importanti dipinti italiani dei secoli XIV-XVI, allo scopo di mettere in evidenza elementi di continuità estetica e spirituale tra il passato e il presente. L’Italia, come la Cina, ha un passato artistico ricco e glorioso, e che la sfida per gli artisti di oggi, sia italiani che cinesi, è quella di conservare il senso della loro tradizione senza necessariamente replicarne le forme stilistiche. Così l’inserimento nella mostra di oggetti storici cinesi, prestati dal Sig. Yang, e di alcuni dipinti cinesi contemporanei dell'artista Zhang, serviranno ad aprire un dialogo tra il passato e il presente delle due civiltà, le cui caratteristiche saranno il rispetto dell’eredità culturale ricevuto ma anche la sua trasformazione in linguaggi adeguati al nostro tempo.