CAPPELLA DELLA MATERNITA' PRESSO OSPEDALE DI CAREGGI, FIRENZE.


INDIETRO

Cappella MARIA,MATER VITAE  ET MISERICORDIAE

Ospedale di Careggi, Reparto Maternità, Firenze.


La nuova cappella del Reparto Maternità dell’Ospedale di Careggi a Firenze, nel contempo sobria ed elegante, è frutto di proficue collaborazioni: tra la Direzione dell’Ospedale e i Padri Cappuccini, responsabili del cappellanato cattolico all’interno del nosocomio; tra i Cappuccini e l’Arcidiocesi di Firenze, il cui Ufficio per la catechesi attraverso l’arte ha coordinato gli interventi; tra gli stessi architetti, decoratori ed artisti che hanno offerto la loro opera; e tra vari enti ecclesiastici, cittadini e culturali che hanno concretamente promosso l’iniziativa. Lo spazio intimo ed accogliente pensato e progettato dall’architetto d’interni Gianluca Soldi, ospita opere di notevole interesse.   l’arredo della cappella è affidato a tre opere dell’artista fiorentino Filippo Rossi, di cui la principale – una grande pala tra l’altare, il tabernacolo e il leggio – conduce appunto a Cristo. Eseguita in tecniche miste ed intitolata Crocifisso sponsale, l’immagine si offre come punto culminante nel percorso mistico che il luogo configura, invitando chi vi si raccoglie a riconoscere nel sacrificio di Cristo la fonte luminosa della nuova vita offerta al mondo; situata appena oltre l’altare eucaristico, questa croce dorata sul campo ruvido suggerisce l’attrazione di una comunione così profonda da potersi paragonare solo all’amore sponsale, secondo l’intuizione dei Padri della Chiesa per cui Golgotha fu anche un talamo. Le altre opere di Rossi, Salve Regina e La danza dell’Ave, riconducono il programma iconografico a Maria, evocando il lirismo della gioia materna. Completano l'arredo due sculture dell’artista pistoiese Enrico Savelli.


Collezione privata